Menù

CERTIFICAZIONE DELLE SCARPE ANTIFORTUNISTICHE

 Le scarpe antinfortunistiche sono categorizzate in più categorie con requisiti ben definiti.

Certificazione

Descrizione

EN ISO 20344

Metodi di prova per scarpe di sicurezza

EN ISO 20345

Scarpe antinfortunistica con puntale che resiste ad urti con forza fino a 200 J e compressioni fino a 15 kN (categoria S)

EN ISO 20347

Scarpe antinfortunistiche senza puntale (categoria 0)

EN ISO 17249

Scarpe antinfortunistiche con resistenza al taglio da sega a catena

EN ISO 13287

Metodo di prova per la resistenza allo scivolamento

DESCRIZIONE DEI REQUISITI DELLE SCARPE ANTINFORTUNISTICHE

REQUISTITI DI BASE (SB)

Le scarpe antinfortunistiche devono resistere allo strappo, all’abrasione, avere la permeabilità al vapore acqueo, resistenza al distacco della tomaia e della suola.

REQUISTITI DI BASE (OB)

Le scarpe antinfortunistiche devono resistere allo strappo, all’abrasione, avere la permeabilità al vapore acqueo, resistenza al distacco della tomaia e della suola.

RESISTENZA ALLO SCIVOLAMENTO

Viene verificato il coefficiente di attrito della scarpa di antinfortunistica su diversi tipi di superficie scivolose, testate sul tacco e sulla suola.

 

Simbolo

Condizioni di prova

Modalità

Requisiti minimi

SRA

Fondo: ceramica

Tacco

0.28

Lubrificante: soluzione detergente

Piano

0.32

SRB

Fondo: acciaio

Tacco

0.13

Lubrificante: glicerina

Piano

0.18

SRC

SRA+SRB

 

 

 

REQUISITI PRESTAZIONALI

 

CLASSIFICAZIONI

Categoria

Tipo I o II

TIPO I

Cuoio e altri materiali

TIPO II

Interamente di gomma o polimeri

Scarpe di sicurezza

SB

S1P

S1

S2

S3

S4

S5

Scarpe di lavoro

OB

O1P

O1

O2

O3

O4

O5

 

 

 

 

 

 

 

 

Requisiti base

X

X

X

X

X

X

X

Resistenza allo scivolamento - SRA/B/C

X

X

X

X

X

X

X

Antistaticità  - A

-

X

X

X

X

X

X

Assorbimento di energia nella zona del tallone - E

-

X

X

X

X

X

X

Penetrazione e assorbimento acqua nella tomaia - WRU

-

-

-

X

X

-

-

Resistenza alla perforazione - P

-

X

-

-

X

-

X

Resistenza della suola agli idrocarburi - FO

-

X

X

X

X

X

X

X = requisito obbligatorio

 

 

 

 

 

 

 

REQUISITI OPZIONALI

I seguenti requisiti non sono obbligatori per la certificazione delle scarpe antinfortunistiche, ma sono requisiti supplementari necessari per alcune applicazioni speciali delle scarpe decise dal fabbricante.

A – Antistaticità

Queste scarpe antinfortunistiche riducono al minimo l’accumulo di cariche elettrostatiche dissipandole, riducendo così il rischio di incendio o esplosione nel caso di lavoro in ambienti con presenza di sostanze infiammabili. Se esiste un rischio di scosse elettriche è essenziale ricorrere a misure aggiuntive.

La resistenza elettrica di questo tipo di scarpe antinfortunistiche può essere modificato in misura significativa, dalla flessione, dalla contaminazione o dall’umidità. Durante l’uso di scarpe antistatiche, la resistenza del suolo dev’essere tale da non annullare la protezione fornita dalle scarpe antinfortunistiche, e non deve essere introdotto alcun elemento isolante tra il sottopiede della scarpa e il piede del portatore.

Qualora sia introdotta una soletta tra il sottopiede e il piede, occorre verificare la proprietà elettriche della combinazione scarpa/soletta.

 E – assorbimento di energia nella zona del tallone

Serve per ridurre l’energia trasmessa dagli urti al tallone che possono comportare alla lunga effetti nocivi.

 P – Resistenza alla perforazione

Le scarpe antinfortunistiche vengono dotate di soletta antiperforazione inserita all’interno della suola stessa e di dimensioni tali da poter garantire la protezione di tutta la pianta del piede.

 C – Conduttività

Sono utilizzate quando è necessario ridurre al minimo l’accumulo di cariche elettrostatiche dissipandole nel minor tempo possibile. Non possono essere utilizzate se è presente il rischio di scosse elettriche. Durante l’uso di scarpe antinfortunistiche conduttive, la resistenza del suolo deve essere tale da non annullare la protezione fornita dalla scarpa e non deve essere introdotto alcun elemento isolante tra il sottopiede delle scarpe e il piede del portatore.

 HI – Isolamento dal calore

Hanno lo scopo di proteggere il piede dall’effetto del calore esterno. Esse devono garantire per almeno 30 minuti temperature al massimo di circa 22° al piede, quando la scarpa antinfortunistica sia a contatto con il suolo caldo fino a 150°C.

 CI – Isolamento dal freddo

Sono scarpe antinfortunistiche indicate per lavori all’aperto esposti agli eventi atmosferici, ad esempio sulla strada o nei boschi.

 HRO – Resistenza al calore per contatto della suola

Sono idonee a quella mansioni su fondi caldi poiché dotate di idonea suola con rilievi esercitante una efficace azione coibente protettiva. Si deve comunque considerare che la resistenza di prova al calore per contatto si limita a 300° per 1 minuto.

 AN – Protezione della caviglia

Hanno lo scopo di proteggere la caviglia dell’indossatore dagli urti.

 CR – Resistenza al taglio

La parte inferiore della scarpa antinfortunistica, per un’altezza di 3 cm a partire dalla suola è dotata di protezione al taglio. Il livello di protezione è paragonabile a quello dei guanti di protezione con resistenza al taglio 2.

M – Protezione del metatarso

Fornisce una protezione aggiuntiva alla zona del metatarso